Danny il maestro


dannycup.jpgDanny Blanchflower, detto Danny, nacquè a Dunraven Park, nel distretto di Bloomfield a Belfast.
Probabilmente prese dalla madre la sua passione per il football, infatti giocava come punta nel team femminile. Era il primo di cinque figli, tre bambini e due bambine. Fu educato al Ravenscroft Public Elementary ed in seguito andò a studiare al Belfast College of Technology. La sua prima apparizione calcistica risale al 1937, quando si affrontarono una rappresentativa dei Belfast Club contro i Dublin Colts. Nel 1943 in pieno secondo conflitto mondiale entrò nella R.A.F. (Royal Air Force) come Navigatore e studiava nella St Andrews University. In questo periodo giocava per il team universitario di calcio, e venne “iniziato”al Golf. Nel 1945 andò in Canada per continuare gli studi come navigatore, ma venne ben presto richiamato in patria, la guerra era finalmente terminata!
Nel 1946 era di nuovo a casa a Belfast. In questa stessa stagione fece il suo debutto nel Glentoran
Rimase tre stagioni al Glentoran e venne acquistato dal Barnsley nel 1949 per 6,500 sterline.
Due anni dopo nel 1951 passò all’Aston Villa per 15,000 sterline, dove rimase fino al 1954. A l’età di 28 anni giunse a Londra, e precisamente al Tottenham Hotspur per 30,000 sterline, che lo soffiò ai rivali dell’Arsenal. Era quello il Tottenham di Sir Bill Nicholson e Danny Blanchflower vinse tutto come capitano.

Rimase dieci stagioni al White Hart Lane disputando 337 incontri e 15 reti.
Con gli spurs vinse:1 Campionato; 2 F.A.cup; 2 Community Shields; 1 Coppa delle Coppe.

Il talento di Danny venne riconosciuto anche dalla propria nazionale, l’Irlanda del Nord dove venne convocato per la prima volta nel 1949 contro la Scozia. Con la sua nazionale disputò 56 incontri e due reti.

Si ritirò dai campi di calcio nel 1964. Riapparve però nel 1978 alla guida della nazionale della sua nazione nel 1978, e nel 1978-79 fu alla guida del Chelsea, dove vinse 5 incontri su 32.
Vinse il titolo di calciatore Inglese dell’anno in due occasioni:1958 e 1961. Morì nella sua casa nel dicembre 1993 all’età di 67 anni, soffriva del morbo di Alzheimer.
Tutti i tifosi degli spurs si ricordano di lui come un maestro della tattica e padrone del centrocampo, non verrà mai dimenticato…

Fonte: Remus.

Nella foto Blanchflower (al centro) con Jimmy Greaves e Bobby Smith e l’Fa Cup 62

Christian Cesarini
Latest posts by Christian Cesarini (see all)

Lascia un commento